Quante volte avete usato l’espressione “Resistente come una roccia”? Ma dipende da quale tipo di roccia!
 
In Carnia sono presenti nel sottosuolo anche livelli di rocce che poi tanto resistenti non sono, si tratta dei gessi, materiale che con relativa facilità può essere eroso dall’acqua.
Già un secolo fa Michele Gortani segnalava sprofondamenti nella pianura alluvionale del Tagliamento, dovuti alla presenza di gessi nel sottosuolo. Ancora oggi questi fenomeni continuano a manifestarsi con cedimenti localizzati
 
Ne parleremo venerdì 18 novembre ad Enemonzo alle 20.30 nel Centro Sociale insieme a Franco Cucchi, geologo e già professore all’Università degli Studi di Trieste, e Chiara Calligaris, ricercatrice nello stesso ateneo, che sono fra gli esperti che seguono l’evoluzione di questo problema nell’alta valle del Tagliamento.
 
L’evento è organizzato con il contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia per la promozione del patrimonio geologico e della geodiversità (L.R. 15/2016).
 
Previous reading
Vivere sulle rocce che si sciolgono – Enemonzo, 18.11.2022
Next reading
Grotte con ghiaccio nelle Alpi Carniche – Prato Carnico, 12.11.2022